Casa di Accoglienza

  Ospitare e essere ospitati: ecco che nasce la Casa di Accoglienza.

  Perchè una Casa di Accoglienza?

IMG_7036Il progetto nasce dal duplice obiettivo di garantire una casa per i volontari e di donare un ristoro a tutti i donatori, sponsor e amici dell’Associazione!

In questo modo i servizi saranno facilitati e velocizzati. I volontari avranno, inoltre, la possibilità di vivere a stretto contatto con i bambini del Villaggio, da mattina a sera. La casa offrirà inoltre camere aggiuntive a disposizione di tutti quegli amici che ci sostengono o di chi desidera semplicemente conoscere i nostri progetti.

La possibilità di fermarsi qualche ora in più permetterà infatti di approfondire la conoscenza dei bambini e del contesto in cui vivono, di confrontarsi con volontari e responsabili, di conoscere le preziose persone del posto che lavorano per il progetto, di osservare e prender parte alla vita quotidiana del Villaggio…. di sentirsi semplicemente a casa.

La struttura e i lavori : un gioco di squadra

IMG_7042La struttura avrà forma a “ferro di cavallo”; le camere (ognuna provvista di accesso a un proprio bagno) si svilupperanno lateralmente, mentre al centro si troverà la cucina. Da questa, poi, tramite due porte scorrevoli centrali, si potrà passare al cortile esterno, abbracciato dall’intero edificio.

I lavori sono iniziati nel mese di Febbraio 2017 grazie ai 18 volontari del periodo Febbraio/Marzo e agli operai del posto che, lavorando instancabilmente, hanno raggiunto risultati veramente incredibili nel giro di poche settimane. In un primo momento sono state gettate le fondamenta, poi è stato armato il primo lato (guardando l’edificio, a destra) del ferro di cavallo.

Quindi, lavorando suddivisi in due equipes, mentre la prima avanzava continuando ad armare, la seconda la seguiva provvedendo da subito alla costruzione delle mura perimetrali. Un vero e proprio lavoro di squadra che ha permesso, giunto il momento per i volontari di tornare in Italia, di vedere realizzato l’intero perimetro della struttura e ben avviato il lavoro affidato ai muratori locali per i mesi successivi (principalmente la costruzione delle mura interne).

Si stima che il prossimo gruppo di volontari del periodo Luglio/Agosto 2017 darà un decisivo contributo ai lavori in modo tale da vederli ultimati verso il mese di Novembre 2017.

SCOPRI NELLA GALLERY LE ALTRE IMMAGINI DELLA MISSIONE !! 

IMG_7192

Scritto da Admin

Padiglione Sanità al St. Francis Children’s Village

wash-hands

L’IDEA

Pulizia, buona salute e igiene sono con il tempo diventati tre obiettivi chiave nella politica di gestione del St. Francis Children’s Village. Numerosi spazi del Villaggio infatti, nell’ultimo anno, sono stati riqualificati con l’intenzione di limitare al minimo i disagi causati dal fango (nelle stagioni delle piogge) e dalla polvere (nelle stagioni secche)..Insomma..un Villaggio più pulito come base per garantire ai bambini e ai ragazzi una migliore qualità della vita.

 

 

IMG_5390

 

    IL PROGETTO

In linea con questi principi è stata così avviata, nel corso della Esperienza-Lavoro di Agosto 2016, la costruzione di un nuovo centro sanità.

L’edificio si svilupperà su due piani, dell’estensione di circa 500 mq l’uno, ed accoglierà servizi igienici, locali doccia e, soprattutto, una nuova lavanderia. I bambini          potranno usufruire dei servizi al primo piano e, trasferitisi al secondo, potranno cambiarsi, deponendo i vestiti sporchi e indossando quelli freschi di lavaggio.

La struttura, che sarà cofinanziata anche da altri partner internazionali, viene incontro anche alle nuove esigenze di un Villaggio che cresce. Secondo gli ultimi dati          raccolti, infatti, il numero dei bambini è cresciuto a 450. Un nuovo padiglione sanità era quindi indispensabile per poter garantire delle buone condizione igieniche a        ciascun bambino.

 

     

LO SVOLGIMENTO

Nel corso del mese di Agosto, grazie alla stretta collaborazione tra 15 volontari italiani e muratori locali, è stato iniziato il lavoro. Nella prima settimana è stato compiuto un lavoro incredibile: iniziato ed ultimato lo scavo per le fondamenta, sono state armate tutte e 8 le campate e colato calcestruzzo in più della metà. Nella settimana successiva, con l’arrivo di altri volontari dall’Italia, il lavoro è proseguito: sono state ultimate le colate per le fondamenta ed armati i primi pilastri. Nel corso dell’ultima settimana di permanenza, infine, sono stati completati tutti e 42 i pilastri della struttura e colata la pavimentazione dell’intero edificio.

Ritornato in Italia il gruppo di volontari italiani, la squadra di muratori locali si occuperà nei prossimi mesi della costruzione delle mura perimetrali ed interne. Con l’arrivo del prossimo gruppo di volontari, a Febbraio 2017, verrà ultimata la costruzione, fatti gli impianti e portate a termine le rifiniture.IMG_5385

 

Scritto da Admin

Pronto intervento d’emergenza per Kiirua

DSC_0594

IL PROGETTO

Nel villaggio di Kiirua sorge un piccolo ospedale con annesso dispensario gestito con completa dedizione da Suor Maria Pia e le Sorelle della congregazione delle Suore di Santa Teresa del Bambino Gesù. Il St. Teresa Kiirua Hospital, costruito negli anni dalle Suore, a seguito di ristrutturazioni ed ampliamenti sempre in progresso è rapidamente diventato un punto di riferimento per i villaggi vicini e per gli abitanti di tutta la regione del Meru. La struttura è a carattere privato e religioso, pertanto viene richiesta una modica compartecipazione ai costi delle prestazioni, ma l’assistenza è sempre garantita a chiunque ne necessiti. Attualmente i maggiori sforzi sono concentrati nel supporto pre post natale (con reparti di ostetricia e ginecologia), nella lotta contro l’AIDS e la tubercolosi; completano la dotazione dell’ospedale una piccola sala chirurgica con annesso reparto di degenza, una radiologia e un laboratorio di analisi.

A seguito della forte alluvione del 2011, che ha seriamente compromesso numerose infrastrutture dell’intero stato keniota, l’Associazione Amici di San Francesco, che aveva già collaborato con gli ospedali di Nkubu e Tigania, è stata contattata dalle suore per un supporto alla creazione di barriere di protezione con sbancamenti e fossati. Suor Maria Pia ha inoltre riferito la necessità di dar vita ad un allora inesistente nucleo di pronto intervento, chiedendo aiuto per almeno un ambulanza adatta al primo soccorso.

E così, dopo l’incontro con le suore e le loro parole, nasce in seno all’Associazione il progetto

                                        “Un pronto intervento d’emergenza per Kiirua”

con lo scopo ed obiettivo di dotare il St. Theresa Kiirua Hospital di una ambulanza con la dotazione necessaria per il pronto soccorso e di un mezzo mobile che potesse funzionare da ambulatorio medico e ginecologico dotato di un ecografo e di una incubatrice.

 

DSC_0611

OGGI

Nel 2012, dopo il lancio del progetto le sezioni di Merate e Calusco d’Adda della Croce Bianca hanno donato all’Associazione due automezzi da loro dismessi ma in buono stato. Dopo una revisione generale, sono stati acquisiti, a completamento della dotazione del primo automezzo da pronto soccorso, un defibrillatore, un ventilatore polmonare e un monitor per la rilevazione dei parametri vitali. Per il completamento del secondo automezzo, invece, sono ancora necessari un ecografo (in fase comunque di reperimento, con l’aiuto della Regione Lombardia) e un’incubatrice portatile.

 

A gennaio 2013 entrambi gli automezzi sono stati inviati in Kenya e a giugno sono stati consegnati finalmente all’ospedale.

DSC_0619

 

Scritto da Admin

Microcredito

 

Scarica il volantino dell’iniziativa

 

 

 

imm62

 

 

Scritto da Admin

Progetti Strutturali

L’Associazione Amici di San Francesco ha avviato in Kenya diversi progetti diretti alla realizzazione di infrastrutture in grado di garantire migliori condizioni di vita alle popolazioni locali.
Contina a leggere »

Scritto da Admin

Progetti Educativi

L’Associazione Amici di San Francesco ha avviato in Kenya alcuni progetti educativi per sostenere i bambini durante la loro crescita umana e scolastica.
Contina a leggere »

Scritto da Admin